News

  • Gaming e pagamenti al centro del futuro del gaming in Italia

    Si è parlato diffusamente durante l’evento “Il futuro del gaming in Italia” del mese scorso, della stretta correlazione tra il settore giochi e il mondo dei pagamenti.
    Nel panel “Gaming & Payments” ospitato nel seminario organizzato da SBC SBC Digital Italia e Gioconews si è infatti discusso a lungo del percorso che il mondo retail deve intraprendere verso una digitalizzazione dei locali di gioco e della forte spinta propulsiva in direzione cashless. Come abbiamo scritto già altre volte, infatti, le transazioni digitali hanno registrato un’impennata senza precedenti nel corso degli ultimi 18 mesi, e questi dati sono stati confermati dall’Osservatorio del Politecnico di Milano che vede i pagamenti digitali in Italia nel 2020 pesare per 178 miliardi di euro, ovvero circa un terzo della spesa degli italiani. Complici di questo incremento sono stati certamente iniziative governative quali la Lotteria degli Scontrini e il Cashback di Stato, e di certo questa nuova tendenza ha generato nei consumatori una propensione verso il digitale che difficilmente potrà restare inesaudita, anche in ambito gaming.
    Una regolamentazione chiara e completa sul tema dell’integrazione tra sistemi tradizioni e digitali, auspicabilmente porterebbe ad interventi tesi a massimizzare la sicurezza dei giocatori e delle transazioni in ambito gaming, e probabilmente il passaggio dal cash al cashless avrebbe un ritorno positivo grazie ai benefici che le peculiarità del digital porterebbe nell'integrazione dei due sistemi.
    All’evento “Il futuro del gaming in Italia” hanno preso parte due autorevoli esponenti di NOVOMATIC Italia, holding di ADMIRAL Pay, ovvero il CEO del Gruppo e Presidente di ADMIRAL Pay Markus Buechele, intervenuto al cd. panel dei CEO dal titolo “Il futuro sostenibile del gaming in Italia”, e la Regulatory and Legal Affairs Manager Elisabetta Gregni, speaker nella sessione “Nuovi trend nel gaming retail”.

  • Scopriamo insieme cos’è PagoPA

    Probabilmente visitando la sezione servizi del nostro sito, o girovagando in uno dei punti ADMIRAL Pay vi sarete chiesti cos’è e in cosa consiste il servizio “pagoPA”. Scopriamolo insieme.

    PagoPA (dove PA sta per Pubblica Amministrazione) è un sistema di pagamenti elettronici realizzato su iniziativa dello Stato, pensato per rendere semplice, sicuro e trasparente ogni pagamento verso, lapalissiano a dirsi, la Pubblica Amministrazione.

    PagoPA non è un sito o un luogo fisico dove effettuare pagamenti, ma in sostanza un nuovo modo naturale e immediato per eseguire i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione usufruendo dei servigi dei cosiddetti PSP, ovvero i Prestatori di Servizi di Pagamento, aderenti al circuito.
    L’obiettivo dietro la nascita di pagoPA, che è una società partecipata dallo Stato nata per effetto del Decreto Legge “Semplificazioni” (n. 135 del 14 dicembre del 2018) e vigilata dal Presidente del Consiglio dei Ministri, è in primis quello di permettere al cittadino di scegliere metodi di pagamento moderni e di conseguenza di diffondere i servizi digitali in Italia. L’articolo 8 della norma riconosce l’importanza strategica di pagoPA come asset fondamentale per la digitalizzazione del Paese; si pensi che in soli tre anni, grazie al supporto dell’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), la piattaforma unica per i pagamenti digitali è cresciuta ad un ritmo esponenziale, producendo concreti benefici tanto per i cittadini che per le Pubbliche Amministrazioni, sia in termini di semplicità e sicurezza delle transazioni che nella migliore gestione degli incassi, e di conseguenza in una migliore gestione dei costi e un risparmio economico per il Paese.

    Il circuito pagoPA permette di pagare tributi, tasse, utenze, rette, quote associative, bolli e qualsiasi altro tipo di pagamento destinato alle Pubbliche Amministrazioni centrali e locali. Tra i beneficiari si includono inoltre numerosi altri soggetti, quali aziende a partecipazione pubblica, scuole, università ed ASL. L’adesione delle Pubbliche Amministrazioni e delle società a controllo pubblico al sistema pagoPA è infatti prevista per legge.

    ADMIRAL Pay, in qualità di Prestatore di Servizi di Pagamento (PSP), ha scelto di aderire al sistema pagoPA su base volontaria per poter erogare il più vasto numero e la più alta qualità di servizi di pagamento ai propri clienti.

    Noi di ADMIRAL Pay sposiamo infatti appieno la mission di pagoPA S.p.a laddove prevede che “lo Stato deve raggiungere i cittadini, non il contrario”. Se infatti “lo Stato ha il dovere di rendere il più possibile trasparente ai cittadini la complessità della macchina amministrativa, focalizzandosi nel soddisfare i loro bisogni, e non più nel pretendere adempimenti complessi e farraginosi” allora è nostro dovere compiere tutti gli sforzi possibili per fare da ponte tra i cittadini e lo Stato offrendo il miglior servizio possibile, come garantito dal marchio ADMIRAL.

  • Carte prepagate per e-commerce: tutti i vantaggi


    Come già saprete grazie alle rubriche di ADMIRAL Pay, i trend degli ultimi decenni, e in particolare dell’ultimo biennio, dimostrano come i pagamenti si stiano sempre più convertendo alle modalità elettroniche. La praticità degli acquisti con pos o via e-commerce hanno reso orma indispensabile per ogni famiglia il possesso di una carta di credito o di debito.

    Essendo queste ultime collegate direttamente al conto corrente bancario, il profilo di rischio associato al loro utilizzo è strettamente collegato alle modalità d’uso che il singolo utente (o i membri della famiglia che hanno accesso a quella carta) ne fanno. Ad esempio se si utilizzano canali di acquisto online non protetti, il pericolo di incorrere in una frode è molto elevato. Uno dei rischi più frequenti è finire vittima della clonazione della carta, e nel peggiore dei casi del successivo svuotamento del conto corrente.

    Al contrario, se per i propri acquisti online si decide di optare per una carta prepagata (sia questa ricaricabile o ad utilizzo singolo) vediamo come il rischio di incorrere in truffe diminuisca vertiginosamente. Le prepagate sono infatti separate dal conto corrente bancario.

    Le carte prepagate costituiscono un’efficace protezione dal rischio di furti elettronici, infatti al momento di un acquisto sul web si può acquistarne una da dedicare all’ acquisto, o ricaricare quella di cui si è già in possesso della cifra strettamente necessaria alla transazione. In questo modo, anche se dei malintenzionati volessero rubare gli estremi della carta, troverebbero un conto vuoto.

    In aggiunta è da considerare il fatto che anche chi in passato ha avuto problemi di insolvenza, e non potrebbe altrimenti richiedere carte di debito o di credito presso la propria banca, può invece acquistare con tranquillità una carta prepagata.

    Ad oggi il mercato si è evoluto così tanto da prevedere, in aggiunta alle prepagate cd. “generaliste”, delle carte prepagate dedicate a servizi specifici.

    Dall’offerta di ADMIRAL Pay vediamo infatti come, recandosi in uno dei nostri punti, sia possibile acquistare ricariche per servizi di pay-tv come Sky e Mediaset Premium, ricariche dedicate all’e-commerce come Amazon e Paysafe, o ancora dedicate a servizi telefonici e internet, come Più Ricarica e Linkem.

    La sicurezza è uno dei tre concetti chiave che compongono il nostro motto, perciò se vuoi acquistare online in piena sicurezza scegli i servizi ADMIRAL Pay! È facile, veloce e sicuro!

  • I pagamenti biometrici saranno il futuro?


    I pagamenti biometrici saranno il futuro?
    Difficile da immaginare oggi, quando ancora l’uso del denaro contante è così diffuso rispetto alla moneta virtuale malgrado si registri un’inversione di tendenza nel corso del 2020, ma il futuro dei pagamenti sembra orientarsi verso i cosiddetti pagamenti biometrici, o invisibili.

    I sistemi di pagamento invisibili nel prossimo futuro ci permetteranno infatti non solo di effettuare acquisti senza utilizzare contanti o mezzi fisici di pagamento, ma senza neppure il bisogno di prendere in mano lo smartphone o la carta di credito dalla tasca.

    Per quanto possa sembrare incredibile, questi metodi di pagamento sono già realtà. In giro per il mondo è infatti possibile risolvere operazioni di pagamento attraverso metodologie all’avanguardia come il riconoscimento facciale, l'impronta digitale o il riconoscimento vocale per esempio.

    Principali fattori di vantaggio di questi nuovi metodi di pagamento sono la comodità, essendo svincolati da carte di credito o debito, cellulare, codice pin o portafogli; nonchè la sicurezza, di fatti associando l'identificazione a dati fisici personali unici il rischio di truffa mediante impersonificazione risulterebbe assai difficoltoso, se non impossibile.

    Ecco di seguito alcuni dei pagamenti “invisibili” più diffusi ad oggi: Selfie Payment (o Smile to pay) abbinati al riconoscimento facciale; PCI UVR effettuato attraverso la voce; attraverso Microchip sottocutaneo; grazie ad impronte digitali o con lettura del palmo della mano.

    Solo chi saprà scommettere sul futuro potrà farsi trovare pronto per le tutte le novità che il mondo dei pagamenti ci riserverà nei prossimi anni

  • ITALIA CASHLESS


    Noi di ADMIRAL Pay crediamo fermamente che il futuro sia cashless. Seguendo questa vision abbiamo fondato l’Istituto di Pagamento nel 2018, ponendoci l’obiettivo di accompagnare i nostri partner verso un futuro di pagamenti elettronici che siano facili, veloci e sicuri per consumatori ed esercenti.

    Questo futuro sembra avvicinarsi sempre di più, stando alle molte azioni attualmente allo studio del Governo per incentivare l’utilizzo di strumenti digitali per i pagamenti, così da ridurre l’uso dei contanti. Abbiamo così: zero commissioni a carico dell’esercente per le transazioni di modico importo, cashback, bonus carte, super cashback e addirittura lotteria degli scontrini. A fronte del costante aumento delle transazioni di moneta digitale in Italia, spinto inizialmente dalle raccomandazioni mediche e radicatosi man mano in una delle buona prassi legate all’emergenza sanitaria tuttora in corso, nel Decreto Agosto di recente approvazione è stato previsto un pacchetto di misure ad hoc, rinominato “Piano Italia Cashless”.

    In attesa dei decreti attuativi, attesi entro la fine di Novembre, che renderanno effettive le misure annunciate, vediamo rapidamente le azioni in divenire pensate per incentivare la diffusione della moneta elettronica e i metodi di pagamento telematici come bancomat, carte di credito o debito, e app.

    Se fino a sei mesi fa era infatti quasi impensabile, qui nel Belpaese, pagare un caffè al bar con la carta, oggi possiamo vedere come ci sia un’inversione di tendenza. Stando ad una recente ricerca condotta da Sapio Research per conto di Paysafe, il 44% degli italiani intervistati si è detto sicuro di voler ridurre l’utilizzo di contanti in futuro. Se infatti l’uso del denaro contante si può tradurre nel rischio di maneggiare potenziali veicoli d’infezione, abbiamo nel pagamento elettronico sicuramente un vantaggio per il consumatore, ma non per l’esercente, costretto a corrispondere una commissione anche sulle cosiddette micro-transazioni. Proprio a per questo tra le misure troviamo l’abolizione delle commissioni sulle transazioni di importo inferiore a 5€, soluzione studiata per venire incontro alle esigenze dei commercianti e ovviamente migliorabile attraverso le iniziative degli operatori.

    A questa prima misura si vanno poi ad aggiungere il cosiddetto “Bonus carte” ed il “Super Cashback”. Grazie al primo gli acquisti con carte o app daranno diritto a un “cashback”, cioè a un rimborso sulla cifra spesa pari al 10% dell’importo speso, per un massimo di 300 euro, mentre con il super cahsback è previsto un premio per i consumatori più virtuosi. I primi 100mila utenti che a fine anno avranno effettuato il maggior numero di operazioni con carta o meccanismi tracciabili equivalenti, vinceranno 3mila euro.

    Il bonus premiale che dovrebbe prendere il via dal prossimo 1° dicembre riguarderebbe le operazioni relative a tutte le spese e a tutti i servizi pagati presso esercizi fisici, con appunto l’unica esclusione delle spese online, che hanno già come norma la tracciabilità dei pagamenti.

    Si è fatto molto parlare anche della cosiddetta “Lotteria degli scontrini”, ma ad oggi appare prematuro parlarne, visto che non è ancora chiaro come funzionerà esattamente. Quello che è certo è che per partecipare ai bonus citati sarà necessario scaricare la app IO della Pubblica Amministrazione, lanciata lo scorso aprile e già usata dalla PA per elargire il bonus vacanze. All’interno di questa occorrerà inserire il proprio IBAN ed i codici delle carte ad esso collegate, così da permettere che venga accreditato sia il cashback che l’eventuale super premio da tremila euro qualora si risultasse tra i vincitori.

    ADMIRAL Pay è già allo studio delle migliori soluzioni da offrire nel prossimo futuro alla propria rete di esercenti. E voi siete pronti per un domani cashless?

  • ADMIRAL Pay corre la RACE FOR THE CURE


    Un’esperienza unica per ADMIRAL Pay e per tutti i colleghi NOVOMATIC che hanno preso parte alla Race for the Cure® 2020 nella sua prima edizione virtuale dello scorso weekend, 25-27 settembre. La più importante manifestazione al mondo e la più grande in Europa per la lotta ai tumori del seno, organizzata in Italia dal 2000 dall’associazione Susan G Komen Italia, ha contato quest’anno oltre 40.000 iscritti in tutta Europa e donazioni per più di 520 milioni di Euro. A causa dell’emergenza sanitaria tuttora in corso, ovviamente non poteva avere luogo la maratona tradizionale; in tutta risposta l’associazione Komen Italia ha esteso l’invito non solo a runner e passeggiatori, ma a chiunque volesse fare esercizio o mettersi alla prova con un’attività insolita, ludica o ginnica che fosse. Chi spinto da motivazioni personali, chi dalla voglia di mettersi in gioco per una buona causa, tra i 40 partecipanti provenienti dalle aziende del Gruppo NOVOMATIC Italia, per ADMIRAL Pay c’erano Fabio, Chiara e Juri che qui ci raccontano la loro esperienza.

    Chiara, Operations Specialist: “Partecipo attivamente alla Race for the Cure dal 2014 e continuerò volentieri a farlo per le prossime edizioni! Correre e praticare attività all’aperto è una sana abitudine che mi ritaglio, quindi non può che farmi ulteriormente piacere il partecipare a questo appuntamento. Appuntamento che deve ricordarci e sensibilizzarci su quanto sia importante stare vicino a chi viene colpita dal tumore al seno, visti i molti casi, che probabilmente ognuno di noi avrà sentito e forse affrontato tra amici e parenti. Quindi quando c’è da correre per la Race for The Cure, io semplicemente mi infilo le scarpe e corro. Fatelo anche voi, un semplice gesto sano per aiutare a stare meglio”

    Fabio, Operations Manager: “Non sono propriamente un tedoforo, ma ogni tanto mi concedo una corsetta all’aria aperta per tenermi in forma e liberare la mente. Quando ADMIRAL Pay ci ha mandato l’invito a partecipare alla Race for The Cure, visto l’intento nobile della manifestazione, ho deciso subito che avrei partecipato! Quindi mi sono preparato nei giorni precedenti al weekend con un po’ di allenamento e di stretching muscolare per provare la 5 km. Arrivato il sabato purtroppo il mio piano ha subito una brutta battuta d’arresto, a causa del maltempo a Roma non ho potuto cimentarmi con la corsa, e alla fine ho optato per un altro tipo di maratona… Una maratona di giochi da tavolo con mio figlio! Dopotutto l’importante è partecipare”.

    Juri, Sales & Product Manager: “Ho il brutto vizio di allenarmi spesso, faccio cross fit e mi concedo lunghe corse ogni volta che il lavoro e il tempo me lo permettono, spesso accompagnato dalla mia cagnolona. Malgrado pratichi sport a livello agonistico, quando ADMIRAL Pay ha deciso di partecipare ad una maratona di beneficienza, ho messo gli scarpini lasciando da parte il cronometro. Ci sono occasioni in cui si corre per vincere, e altre in cui l’importante è partecipare ed esserci. Quando c’è di mezzo un argomento così serio come la lotta ai tumori al seno, comunque, nessuno può tirarsi indietro.”
    Chiara, Fabio e Juri hanno condiviso virtualmente la loro esperienza con colleghi e runner di tutta Europa, andando a comporre il grande social wall internazionale, visualizzabile a questo link: https://www.komen.it/wall/. La donazione a Komen Italia realizzata a nome di ciascun iscritto, ha permesso ad ognuno di ricevere il kit da runner, composto da maglia e zainetto, direttamente a domicilio. I colleghi con indosso la maglia simbolo della lotta ai tumori al seno, hanno avuto la possibilità di condividere l’evento anche in presenza, in qualche caso rivedendosi dopo mesi, ma in piena sicurezza e all’aria aperta.

  • Dal 2021 balzo in avanti per il Contactless


    Il futuro è contactless e ripensare il mondo senza l’uso dei contanti richiede l’impegno di utenti, negozianti, banche e, ovviamente, istituti di pagamento.

    Nel corso del 2020 la pandemia da Coronavirus ha spinto i consumatori a ricorrere sempre più all’eCommerce, ma allo stesso tempo la riapertura degli store fisici ha richiesto agli esercenti di trovare soluzioni alternative per permettere pagamenti in maniera più sicura. Il secondo trimestre del 2020 ha mostrato come gli italiani abbiano preferito esperienze di pagamento contactless, accelerando un trend già emerso nettamente nel 2019.

    Stando ai dati dell’Osservatorio Innovative Payments della School of Management del Politecnico di Milano, il 2019 ha infatti visto i pagamenti con carta salire a 270 miliardi di euro (+11%) e l’uso del contactless sfondare la quota di 63 miliardi (erano 40,5 nel 2018) con un totale di 1,5 miliardi di transazioni (+67% contro il 2018).

    Un passo importante, se non decisivo, teso a favorire ulteriormente l’adozione dei pagamenti contactless nel nostro Paese è stato compiuto dai principali player del settore pagamenti: a partire dal 1 gennaio 2021 gli istituti di credito avvieranno un innalzamento progressivo della soglia per pagamenti contactless da 25 a 50 euro. Per le transazioni dal valore inferiore o uguale a 50€, quindi, non sarà più previsto l’inserimento del codice PIN. Una scelta che porterà ad un sostanziale raddoppio rispetto alla soglia attualmente in vigore, e il cui fine ultimo è, oltre che rispondere alle necessità di distanziamento sociale, andare incontro ai nuovi bisogni dei consumatori, ormai sempre più digitali, alla ricerca di un pagamento “facile, rapido e sicuro”: le tre parole d’ordine dei servizi ADMIRAL Pay.

  • Nessun canone per gli esercenti a maggio


    ADMIRAL Pay, l’Istituto di pagamento del Gruppo NOVOMATIC Italia, sceglie di proseguire nel sostegno ai propri partner di rete, prolungando la sospensione del pagamento dei canoni di rete per tutto il mese di maggio.

    L’iniziativa intrapresa a marzo, a inizio emergenza da Covid-19, è stata un gesto concreto di prossimità verso gli esercenti della rete ADMIRAL Pay gravati dalla sospensione delle proprie attività: un black out che purtroppo non è ancora terminato e che, nonostante le richieste delle associazioni di categoria, sta conducendo ad una lunga trattativa con il Governo affinché, assicurando l’uso di dispositivi di protezione e l’adempimento di protocolli sanitari, gli esercizi generalisti possano riprendere le attività quanto prima.

    Nell’augurarsi che presto ogni comparto dell’economia del nostro Paese possa riprendere le proprie attività, e soprattutto auspicando che l’emergenza sanitaria possa risultare arginata dal senso di responsabilità di tutti oltre che dal contenimento della diffusione del virus, ADMIRAL Pay resta accanto alla propria rete e assicura i propri esercenti di proseguire con la sospensione dei canoni almeno fino alla fine di maggio.

  • ADMIRAL Pay sospende i costi fissi della propria rete in questo periodo d’emergenza

    Il senso di responsabilità verso i propri partner, in un momento di emergenza mondiale come quello attuale, ha guidato ADMIRAL Pay nella decisione di sospendere, per i mesi di marzo e aprile 2020, la riscossione del canone per tutti gli esercenti collegati alla propria rete.

    L’istituto di pagamento del Gruppo NOVOMATIC Italia sceglie quindi di affrontare con fiducia decisioni difficili ma necessarie affinché gli esercenti non siano gravati, in questa fase di incertezza e di difficoltà a 360°, dal canone dovuto da contratto ad ADMIRAL Pay.

    Nella fase attuale l’unico obiettivo è quello di collaborare con le istituzioni affinché l’emergenza possa rientrare, permettendo il ripristino delle attività consuete: per questo tutte le azioni dell’Istituto vengono messe a servizio della comunità nazionale per agevolare, in tutta sicurezza come sempre, operazioni che ADMIRAL Pay garantisce da sempre. La società avrà premura di tenere aggiornata la rete di esercenti e di comunicare tempestivamente ogni aggiornamento possa essere utile al mantenimento dei servizi e alla loro fruibilità.

  • Con oltre 37 mila biller, ADMIRAL Pay è l’alleato sicuro per tutti i pagamenti

    La capacità di poter offrire, in ogni momento, e ovunque, la soluzione giusta: ADMIRAL Pay è lo strumento giusto per garantire la possibilità di effettuare pagamenti verso oltre 37mila beneficiari di bollettini premarcati oltre che MAV/RAV e pagamenti del circuito PagoPA.

    Come? L’Istituto di pagamento di casa NOVOMATIC permette di effettuare operazioni di pagamento, con estrema facilità e in tutta sicurezza, verso una miriade di beneficiari. Nel tempo e forti di una penetrazione sul territorio profonda e consolidata, oltre che di un background professionale di altissimo livello, i servizi che ADMIRAL Pay garantisce sono un fiore all’occhiello per il Gruppo e una grande opportunità per la clientela in quanto, non solo offrono delle soluzioni concrete alle incombenze quotidiane ma garantiscono affidabilità e sicurezza, essendo portatori naturali dei valori di responsabilità, legalità e prossimità che animano il marchio ADMIRAL in ogni attività.

    Il recente superamento della soglia dei 37 mila biller di pagamento, per ADMIRAL Pay rappresenta un obiettivo importante, essendo un unicum nel mercato, e confermano anche l’importanza sociale dei servizi offerti ai cittadini da parte di un ente accreditato e affidabile: l’istituto di pagamento, infatti, permettendo un concreto miglioramento di un obbligo formale e sostanziale, come quello dei pagamenti, si presenta come l’alleato per velocizzare, in tutta sicurezza, molte operazioni che nell’immagine collettiva, sono invece difficili e complicate.

  • ADMIRAL Pay informa: nuove regole per l’uso dei contanti e dei pagamenti elettronici

    Con le disposizioni indicate nel Decreto Fiscale 2020 viene ridotto, in maniera graduale, l’uso dei contanti e date nuove regole ai pagamenti elettronici per combattere l’evasione fiscale. Nel dettaglio è vietato il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro o in valuta estera, fatto a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, siano esse persone fisiche o giuridiche, quando la somma di denaro trasferita è complessivamente pari o superiore a:

    • 2.000 euro dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021;
    • 1.000 euro a partire dal 2022.
    Inoltre si vieta il frazionamento artificioso e strumentale degli importi, quindi operazioni che riguardano importi superiori devono essere eseguiti solamente tramite di banche, Poste Italiane, istituti di pagamento e istituti di moneta elettronica.

    Per agevolare l’uso dei pagamenti elettronici il Decreto indica che tale modalità deve essere permessi ai cittadini, tramite l’installazione dei terminali dalle pubbliche amministrazioni, dai gestori di servizi pubblici, dalle società a controllo pubblico e da tutte quelle società che svolgono attività di vendita prodotti, che prestano servizi professionali oltre agli esercizi pubblici come bar, ristoranti, piccoli artigiani.

  • Un nuovo look per ADMIRAL Pay

    L’Istituto di Pagamento del Gruppo NOVOMATIC Italia cambia volto e si propone con un nuovo portale ideato per andare incontro alle esigenze di praticità e immediatezza del grande pubblico, senza dimenticare la propria vocazione di fornitore di servizi e pagamenti in piena compliance normativa. Il nuovo sito, oltre ad una grafica fresca e completamente rinnovata, si presenta come completamente inserito nel grande mondo ADMIRAL di cui fa parte e soprattutto, nei colori e nell’impostazione, richiama l’identità del Gruppo NOVOMATIC Italia, la holding a cui l’Istituto di Pagamento appartiene.

    Il nuovo corso di ADMIRAL Pay rappresenta una svolta verso una maggiore prossimità ai consumatori dei servizi di pagamento che l’Istituto eroga, ma soprattutto vuole portare un impulso nuovo al segmento business to business, rafforzato dalla presenza di un’apposita sezione accessibile dall’header del portale: ancora una volta il Gruppo NOVOMATIC si pone sul mercato come partner affidabile, professionale e all’avanguardia nello studio di nuove soluzioni per il business assicurando l’eccellenza delle performance che è in grado di garantire per ogni tipologia di business. Dalla tecnologia per il gaming, alle concessioni per la raccolta di gioco rilasciate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (visita la sezione Gaming by ADMIRAL), fino all’Istituto di Pagamento autorizzato da Banca d’Italia ADMIRAL Pay, le attività di NOVOMATIC in Italia riescono a rappresentare per la piazza del Belpaese un grande respiro verso l’innovazione a tutti i livelli e la garanzia di piena compliance normativa.

  • Anche il Bollo Auto nel circuito PagoPA di ADMIRAL Pay

    Con il nuovo anno il circuito PagoPA si rinnova: anche il Bollo Auto entrerà a breve a far parte del pacchetto pagamenti digitali verso la Pubblica Amministrazione con l’obiettivo di standardizzare il pagamento della tassa automobilistica al fine di contrastare l’evasione e rendere più agevole per i cittadini saldare una delle tasse meno sopportate, contemplandola tra i pagamenti verso la pubblica amministrazione, disponibili attraverso gli strumenti online dei Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP), come ADMIRAL Pay.

    Il sistema PagoPA

    PagoPA è un sistema realizzato per semplificare e aumentare la qualità e la quantità dei servizi di pagamento offerti da ogni Pubblica Amministrazione (Comuni, Province, Regioni, aziende a partecipazione pubblica, scuole, università, ASL, INPS, Agenzia delle Entrate, ACI, etc…) ed effettuarli nella massima sicurezza. ADMIRAL Pay, in quanto Istituto di Pagamento autorizzato da Banca d’Italia, offre ai propri clienti la possibilità di accedere ai pagamenti verso la Pubblica Amministrazione, in totale sicurezza, comodità e velocità.

  • Appuntamento a Vilnius per il mondo delle FinTech

    Un mondo in espansione, ma che richiede analisi e studi intensi per rappresentare una vera leva al cambiamento del modo con cui tutti, globalmente, pagano, risparmiano, pensano al proprio rapporto con le banche: questo e molto altro è stato discusso nel corso dell’evento Fintech Inn svoltosi a Vilnius a novembre, a cui ha preso parte il Direttore Generale di ADMIRAL Pay Daniele Tagliarini, che ha fatto parte della delegazione dell’Associazione Italiana Prestatori Servizi di Pagamento invitata all’evento. Il ruolo che l’Associazione ha avuto nel corso della manifestazione è stato molto importante perché, in collaborazione con la Camera di Commercio Italo-lituana, ha promosso e organizzato una serie di incontri con le Istituzioni, tra cui l’Ambasciatore d’Italia in Lituania S.E. Francesco Fransoni e rappresentanti della Banca Centrale Lituana, oltre alle principali realtà FinTech locali ed europee.

    L’appuntamento della Capitale lituana è stato un’occasione per un confronto costruttivo su nuovi modelli di business nascenti nell’ambito della tecnofinanza che, alla luce dei cambiamenti normativi che stanno coinvolgendo l’intero mercato dei pagamenti europeo, rappresenta una importante strada da intraprendere per aziende e mercati che hanno bisogno di integrare, rafforzarsi e puntare sul segmento dei servizi di pagamento: il mondo del gaming né è un esempio significativo.

  • Benvenuto ADMIRAL Pay

    È arrivato il nuovo Istituto di Pagamento autorizzato dalla Banca D’Italia, ed è pronto ad offrire un ventaglio di soluzioni per la tua vita quotidiana e per il tuo lavoro. ADMIRAL Pay è una realtà innovativa, che si presenta al pubblico con un look fresco ed elegante, pensato per evidenziare i grandi cambiamenti che il servizio offre, quali un bouquet di prodotti arricchito e funzionalità più veloci nell’esecuzione dei pagamenti. Che tu voglia diventare un partner, o che tu sia più semplicemente un cliente che voglia utilizzare i nostri servizi, il nostro impegno comune è garantire che la tua esperienza con ADMIRAL Pay sia più agevole che mai: come uno schiocco di dita.

    Proprio per questo abbiamo scelto questo semplice gesto, unitamente al claim “facile, veloce, sicuro” come immagine coordinata del nuovo lancio. A garanzia dell’affidabilità di ADMIRAL Pay troverai ancora una volta l’esperienza e lo stile del Gruppo NOVOMATIC, come sempre al tuo servizio.

  • Un mondo di servizi: Ricariche

    Soltanto pochi anni fa, quando ci si trovava all’estero, una semplice chiamata a casa poteva rivelarsi un vero e proprio salasso per il portafogli. Come se non bastasse, molto spesso la qualità della telefonata stessa era bassa, la cornetta gracchiava e la linea cadeva… Tra le grandi conquiste raggiunte in questo secolo possiamo annoverare i telefoni cellulari, i computer e tutti i servizi di messaggistica istantanea connessi al web. Questi semplici strumenti, che usiamo ogni giorno con nonchalance e spesso diamo per scontati, rappresentano in realtà un’opportunità unica per moltissime persone che, grazie ad un semplice gesto, possono abbattere distanze lunghe continenti interi e sentire i propri cari. Una cosa inimmaginabile anche solo pochi decenni addietro.
    La società moderna ha offerto a tutti, in tutto il mondo, la possibilità di essere connessi con semplicità con familiari ed amici, ed ogni giorno nascono nuovi servizi di telefonia in grado di offrire, a prezzi modici, l’opportunità a chiunque di connettersi con tutto il mondo.

    Per noi di ADMIRAL Pay offrire servizi al cittadino vuol dire permettere a chiunque di trovare sotto casa un punto dove ricaricare il proprio credito telefonico. Per questo offriamo la più vasta gamma possibile di ricariche telefoniche nazionali ed internazionali, e lavoriamo ogni giorno per ampliare la nostra offerta. A tal proposito diamo il benvenuto all’ultima arrivata: COOP VOCE!

  • Pubblica Amministrazione più comoda con ADMIRAL Pay

    ADMIRAL Pay, l’Istituto di Pagamento del Gruppo NOVOMATIC Italia, aderisce ai circuito di Pagamenti PagoPA e amplia ulteriormente il proprio ventaglio dei servizi al cittadino per essere sempre più vicina alle esigenze della propria utenza in particolare anche con i pagamenti verso la pubblica amministrazione.

    Cos'è PagoPA?

    PagoPA non è un sito su cui effettuare pagamenti, ma una modalità per eseguirli tramite i Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) aderenti: ogni versamento verso la Pubblica Amministrazione, tramite il circuito PagoPA viene trasmesso in modalità standardizzata. Si possono effettuare i pagamenti attraverso i canali sia fisici che online di banche e altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP), come ADMIRAL Pay.

  • Telefonia e pagamenti: new entry in ADMIRAL Pay

    Con ADMIRAL Pay le novità non finiscono mai e si amplia il ventaglio dei servizi per coprire una domanda sempre più esigente e incontrare la richiesta di una clientela che ama poter scegliere in assoluta comodità. Per il segmento della telefonia, in tutti i punti vendita ADMIRAL Pay è possibile effettuare ricariche online per l’operatore HO Mobile, il secondo brand di casa Vodafone. Telefonia in primo piano anche per la soluzione IDT Boss Revolution che permette ai clienti di ottenere garantisce speciali tariffe per le chiamate internazionali attraverso un’App gratuita da installare sul proprio smartphone.
    Cresciuta inoltre la gamma dei servizi di pagamento: a disposizione dei clienti ADMIRAL Pay è disponibile la ricarica online dello strumento Paysafe Direct, un metodo di pagamento online che permette di acquistare su internet in migliaia di negozi web dei settori più diversi, caricando semplicemente il denaro sul conto virtuale.

TOP